MINIVOLLEY - INDIZIONE ORNAVASSO

MINIVOLLEY - INDIZIONE ORNAVASSO

Disponibili su questo sito nell'area dedicata in... Leggi tutto

21 Novembre 2014

CIRCUITO DI MINIVOLLEY

CIRCUITO DI MINIVOLLEY

Disponibili su questo sito il calendario del cir... Leggi tutto

15 Novembre 2014

CAMPIONATI DI CALCIO SOSPESI

CAMPIONATI DI CALCIO SOSPESI

Tutte le partite dei campionati di calcio a 7 e ... Leggi tutto

15 Novembre 2014

CAMPIONATI DI CALCIO

CAMPIONATI DI CALCIO

Comunichiamo che l'eventuale sospensione, a caus... Leggi tutto

13 Novembre 2014

CAMPIONATI DI PALLAVOLO - INDIZIONI

CAMPIONATI DI PALLAVOLO - INDIZIONI

Sono disponibili su questo sito nell'area dedica... Leggi tutto

08 Novembre 2014

CIRCUITO DI MINIVOLLEY

CIRCUITO DI MINIVOLLEY

SERATA DI PRESENTAZIONE...... Giovedì 13 novembr... Leggi tutto

04 Novembre 2014

CAMPIONATO di PALLAVOLO OPEN MISTO

CAMPIONATO di PALLAVOLO OPEN MISTO

In seguito al ritiro della squadra "IL BUCA" è s... Leggi tutto

03 Novembre 2014

CONDOGLIANZE

CONDOGLIANZE

Il comitato di Verbania porge le più sentite con... Leggi tutto

31 Ottobre 2014

Risultati di ieri
AGRITURISMO ROSSO LAMPONE-PESCE D'ORO3-953Calcio a 7 Open Girone F1
AL CENTRO-REAL DOMO3-1153Calcio a 7 Open Girone F1
BRISINO-PANE E PIZZA1-153Calcio a 7 Open Girone F1
CSI GARBOLI BAVENO-DUEFFE A.C.2-353Calcio a 7 Open Girone F1
GENIO'S BAR TRAFFIUME-MARGOZZ UNITED8-153Calcio a 7 Open Girone F1
PRATESE-PIZZERIA SOMBREROS VERBANIA5-353Calcio a 7 Open Girone F1
VOLPIN CLAUDIO CALDAIE-DAM A TRAA1-953Calcio a 7 Open Girone F1
VEGA OCCHIALI-PIEDIMULERA OMEGNA TEAM1-3(15-25 · 11-25 · 27-25 · 17-25)59Pallavolo Femminile Allieve1
2MILA8VOLLEY TOP JUNIOR-LE INUMANE0-3(11-25 · 14-25 · 13-25)57Pallavolo Femminile Open1
VEGA OCCHIALI-PALLAVOLO PIUEDIMULERA TOP...3-0(25-23 · 25-15 · 25-22)57Pallavolo Femminile Open1
minivolley 2015

ilpuntoUna nuova grammatica sportiva: «Abbiamo vinto 1-0 per gli altri»

Sentite questa. Un po’ di tempo fa Damiano Tommasi, il presidente dell’Associazione Italiana Calciatori, essendo in giro per l’Italia telefonò a sua moglie per chiederle come era andata la partita di loro figlio. Il bambino sino ad allora aveva giocato poco in campionato e quel giorno era la prima volta in cui era sceso in campo quasi per tutto un tempo della partita. La moglie passò il telefono al bambino per farlo parlare direttamente con il padre: «Ciao papà.

È andata benissimo, ci siamo divertiti e abbiamo vinto 1-0 per gli altri». La frase può sembrare un non senso, invece è fantastica. Dentro questa piccola “gaffe” ci sta tutto il bello dello sport e ci sta anche il “sogno” di come vorremmo che fosse il calcio dei bambini. Alla “roulette” della vittoria sconfitta possono giocare i grandi, ma non i piccoli, perché quella roulette funziona così: se esce “vittoria” sei felice e contento, se esce “sconfitta” devi essere triste, deluso e quasi arrabbiato per forza. Non può e non deve funzionare così. I ragazzi hanno un’altra grammatica sportiva. Per loro la gioia di giocare è molto più grande e più forte del risultato e siamo noi adulti a cercare di fargli credere il contrario. Due immagini aiutano a rendere l’idea. La prima l’ho colta alla fine di una partita di bambini in un oratorio di Milano. Una squadra perdeva 3-2 per avere preso un gol all’ultimo minuto. I ragazzi ci erano restati molto male, uscendo dal campo tra le lacrime. Intanto i genitori, infuriati con l’allenatore, facevano capannello al bar dell’oratorio lamentandosi perché in campo era entrato Tizio e non Caio. Il tempo di una doccia e la situazione era cambiata così: i ragazzi, usciti dallo spogliatoio, si erano messi a giocare a “porticine” sul campo di basket dell’oratorio con un sorriso stampato in faccia grande come una casa. Per loro la sconfitta era già dimenticata. I genitori, invece, erano ancora al bar a polemizzare sulla partita con il volto triste e arrabbiato. Altra scena che sarà capitato a molti di vivere e vedere.

Finita la scuola alcuni ragazzi si fermano sul piazzale. Mettono giù gli zaini a fare da porta e cominciano a giocare. Senza arbitro, senza linee laterali... Partitoni infiniti dove tutti vogliono vincere e sudano letteralmente sette camicie. Quando le mamme, urlando, decretano la fine della partita perché si deve rientrare a casa, avete mai visto un bambino arrabbiato o triste perché sta perdendo? A noi sinceramente sembra di no... Il motivo è semplice: perché in quelle partite improvvisate “fuori da scuola” fanno tutto i bambini e non esiste nessun adulto che possa rovinare la magia del giocare. Sono esempi che devono far riflettere. Ogni volta che in una partita di bambini uno solo torna a casa deluso o arrabbiato hanno perso tutti. Sul referto dell’arbitro bisognerebbe inventare una riga in più. Vicino a marcatori, espulsi e ammoniti ci vorrebbe una riga rossa dove scrivere: partita da ripetere, perché Matteo è andato a casa triste o arrabbiato. A noi tutto questo sembra utopia. Al figlio di Damiano Tommasi no. Lui era così contento di aver giocato che era proprio convinto di aver vinto 1-0 per gli altri. Non a caso questo sarà il titolo di un libro di Tommasi che uscirà presto.

logo sport24
logo sport in tour
logo sport by night