ASSEMBLEA PROVINCIALE 2015

ASSEMBLEA PROVINCIALE 2015

Pubblicata nell'area dedicata del sito la convoc... Leggi tutto

27 Febbraio 2015

GRAN PRIX NEVE - INDIZIONE CHAMPORCHER

GRAN PRIX NEVE - INDIZIONE CHAMPORCHER

E' disponibile indizione dell'ultima tappa del g... Leggi tutto

24 Febbraio 2015

CIRCUITO DI MINIVOLLEY - VILLADOSSOLA

CIRCUITO DI MINIVOLLEY - VILLADOSSOLA

Quarta tappa del circuito di minivolley oggi al ... Leggi tutto

22 Febbraio 2015

MINIVOLLEY - INDIZIONE GRAVELLONA TOCE

MINIVOLLEY - INDIZIONE GRAVELLONA TOCE

Disponibili su questo sito nell'area dedicata in... Leggi tutto

18 Febbraio 2015

FESTA REGIONALE ACQUI TERME

FESTA REGIONALE ACQUI TERME

Sono disponibili su questo sito tutte le informa... Leggi tutto

18 Febbraio 2015

CAMPIONATI DI CALCIO - GARE DEL 21 - 22 …

CAMPIONATI DI CALCIO - GARE DEL 21 - 22 FEBBRAIO

I campionati di CALCIO riprenderanno regolarment... Leggi tutto

16 Febbraio 2015

GRAN PRIX NUOTO - AGGIORNAMENTO CALENDAR…

GRAN PRIX NUOTO - AGGIORNAMENTO CALENDARIO

Riceviamo dal comitato regionale e pubblichiamo ... Leggi tutto

16 Febbraio 2015

CIRCUITO DI MINIVOLLEY - INVORIO

CIRCUITO DI MINIVOLLEY - INVORIO

Tappa di carnevale per il circuito di minivolley... Leggi tutto

15 Febbraio 2015

banner champorcher finale 2015
banner campionati sci 2015
minivolley 071522032015

ilpuntoLo sport “ospedale da campo” della società odierna

La Chiesa di oggi deve somigliare più ad un «ospedale da campo» che ad una Ong. A dirlo è stato papa Francesco nel corso di un’omelia nella messa mattutina a Santa Marta. Non basta fare del bene o avere una buona organizzazione.

Bisogna avere la capacità di far sentire sempre il vento del Vangelo, facendosi carico delle debolezze, delle fatiche, delle ferite di tutti e di ciascuno. Il mondo dello sport oggi può e deve sentirsi “ospedale da campo” per la società. In un tempo in cui i veri fuoriclasse dell’educazione faticano a dare il meglio di loro, lo sport è chiamato a dare il meglio di sé. Da generazioni famiglia e scuola sono stati i pilastri dell’esperienza educativa. Lì, i giovani di ieri hanno imparato i valori ed il senso della vita.

Oggi queste due realtà, per motivi diversi, fanno tanta fatica. Ecco allora che la “fascia di capitano” passa al mondo dello sport. Si possono avere tanti dubbi, ma non c’è perplessità alcuna nell’affermare che gli allenatori possano essere i migliori educatori per i giovani. Nella grande sfida educativa, lo sport deve tirarsi su le maniche, prendersi sulle spalle grandi responsabilità e generare speranza.

Continuando sì a cercare i campioni di domani, ma aprendosi completamente a tutti, diventando quell’«ospedale da campo». Non è più tempo di andare a trovare solo quelli bravi, ma occorre cercare anche quelli scarsi, che rompono le scatole, che nessuno vorrebbe, che vivono povertà e fatiche umane ed esistenziali. Non basta accoglierli.

Bisogna stanarli. Solo così lo sport risponderà sino in fondo al compito al quale oggi è chiamato. Lo sport che vogliamo e sogniamo è una specie di «ospedale da campo» capace di curare e rigenerare le ferite dei giovani di ridare speranza, di insegnare sul serio i valori della vita. Questa è la grande partita che si può giocare in ogni scalcinato spogliatoio d’un impianto di quartiere o di periferia. Altro che costruire campioni. Ciò è un obiettivo troppo modesto per il mondo dello sport (o almeno per il Csi). Accompagnare i ragazzi perché possano diventare bravi cittadini di domani, rendendo più bello il mondo e l’umanità: questo è il meraviglioso compito al quale sono chiamati allenatori, dirigenti, presidenti e animatori. Lo sport deve restare sé stesso: buona organizzazione, allenatori e dirigenti competenti, attività sportiva di qualità e voglia di vincere. Sono e devono restare questi gli ingredienti importanti di qualsiasi esperienza sportiva (a partire dallo sport in oratorio). Ma serve il coraggio di “andare oltre”. Se lo sport dovesse oggi fallire il suo compito educativo, ai ragazzi resterebbero poche altre possibilità. In questi 70 anni il Csi si è sempre sentito «ospedale da campo» e non Ong del mondo dello sport. Ma tutto questo non ci basta. Vorremmo esser capaci di contagiare sino in fondo tutto il sistema sportivo con la nostra passione educativa, ricordando che siamo chiamati ad aiutare lo sport a migliorarsi. Leggere che – nel nostro Paese – in età adolescenziale 4 ragazzi su 10 smettono di fare sport fa male da morire. È una sconfitta che nessuna vittoria può far dimenticare. Siamo fatti per generare speranza nel cuore dei ragazzi e non per “mandare a casa qualcuno”. Per occuparci di tutti anche quando questo costa tanta fatica.

logo sport24
logo sport in tour
logo sport by night